Sale Rosa

Sale Rosa

Caratteristiche ed usi del sale rosa

Il sale rosa himalayano è molto apprezzato in quanto ritenuto più puro e non contaminato da sostanze inquinanti. Si tratta di un sale fossile che si estrae sulla catena dell'Himalaya nelle miniere del Kewra, nel nord del Punjab pakistano. Rispetto al sale marino è più ricco di minerali, soprattutto di ferro che gli conferisce il caratteristico colore rosa. Si ritiene che abbia un minor contenuto di cloruro di sodio e sia perciò più salutare del sale da cucina. Nella ristorazione si usa al posto del sale comune per la salatura a fine cottura. Si presenta in macina-sale trasparenti in acrilico e si macina sul momento a piacere. Lo si preferisce soprattutto per la bellezza scenica, ma anche per le comprovate proprietà benefiche.

La novità è quella di usarlo come vero e proprio strumento di cucina!
Chef internazionali come Heinz Beck e Alfonso Iaccarino hanno inserito nei loro menù piatti preparati su Piastre di Sale Rosa. Queste Piastre dello Chef, infatti, possono essere usate come piani di cottura allo scopo di trasferire al cibo la loro valenza aromatica.
Si tratta di una cucina salutare, senza condimenti aggiunti. In un attimo le piastre si trasformano in piatti da portata su cui servire antipasti, salumi o formaggi.
Per mantenere il freddo, si possono mettere in freezer per una decina di minuti e utilizzarle come base per sushi, carpacci di carne e pesce; invece, per mantenere il caldo vanno, lasciate nel forno per una ventina di minuti.
Possono essere inoltre utilizzate per la cottura direttamente al tavolo: in questo caso le piastre devono essere preparate nel forno a 250° C per circa un'ora. Spesso sono dotate di un vassoio di legno per poterle servire al tavolo senza rischi.
Oltre alla cottura in forno, di cui abbiamo già parlato, esiste anche la possibilità di usare le piastre per una cottura diretta sul fuoco, ricordandosi di utilizzare sempre una padella antiaderente o un frangi-fiamma: mai mettere il sale a contatto diretto con il fuoco!
Le piastre si puliscono con bicarbonato di sodio per uso alimentare e una spugnetta abrasiva. Dopo un veloce risciacquo si conservano asciutte in un panno di stoffa. Non bisogna usare detersivi, non si può mettere in lavastoviglie o immergere in acqua.

Buona cucina a tutti!

Davide Mantero

www.fratellibertone.it

P.S. Se siete arrivati a leggere fino a qui, lasciate una reazione al mio articolo: il vostro giudizio è molto importante!

5. Costata su piastra di sale rosa


  • 1
  • 0
  • 1
  • 0
  • 1

  (0)   Commenti


Laureato in Giurisprudenza, ceramista, pittore e scrittore per passione. È un esperto di attrezzature professionali per la cucina.

Vedi tutti gli articoli di Davide Mantero

Blogger Verificato