Impastatrice KitchenAid

Impastatrice KitchenAid

Cercate qualcuno che impasti, monti e mescoli per voi, esattamente come lo farebbero le vostre mani! il prodotto giusto è.... il Robot KitchenAid!

L'impastatrice KitchenAid nasce nel 1919 dall'estro di Herbert Johnston, un ingegnere dell’Ohio, che vedendo un fornaio mescolare un impasto con un cucchiaio di metallo decide di inventare un mixer meccanico che faccia lo stesso lavoro. Dal prototipo, destinato a un uso professionale, nasce fin da subito la versione domestica.
L'idea di come chiamare il marchio che caratterizzerà il prodotto fino ai nostri giorni, viene alla moglie di uno dei dirigenti di Herbert che non appena lo vede in funzione esclama: «I don't care what you call it, it’s the best kitchen aid I’ve ever had!». Così viene scelto "KitchenAid"!
Già dagli anni '30 è un bestseller che riscuote le simpatie di imprenditori come Henry Ford e di attrici famosissime come Ginger Roger, Marion Davies e Myrna Loy.
Nel 1936 dalla collaborazione con il designer Egmont Arens, redattore di "Creative Arts" e "Vanity Fair" nascono i robot da cucina rimasti virtualmente immutati fino ad oggi. Esposti nei musei di arte e design di tutto il mondo, vincono i più importanti premi del settore. Già dal 1955 sono prodotti anche in versioni colorate, dai colori vivaci: la tavolozza dei colori si arricchisce ogni anno seguendo le mode del momento. Quest'anno i colori di moda sono: il rosso imperiale, il crema e l'onice.
Fino al 2012 esistevano solo 3 modelli di impastatrice: la Classic (K45) disponibile solo bianca, l'Artisan (la versione “stilosa” colorata) e la Heavy Duty (K5). Tutte e tre si caratterizzavano per il “movimento planetario” e per la ciotola da 4,9 lt. Differivano solo per la potenza del motore e per il meccanismo di innesto della ciotola. Nelle versioni casalinghe (Classic e Artisan) la ciotola è fissata alla base dell'impastatrice ed è il motore ad alzarsi, inclinandosi all'indietro; nella versione Heavy Duty, più potente, la ciotola è fissata a due staffe di acciaio ed è lei ad alzarsi e abbassarsi, mentre il motore resta fisso.
A partire dal 2012 KitchenAid introduce il nuovo robot da cucina Artisan Heavy Duty da 1,3 CV e dotato di una ciotola da 6,9 litri. Questo modello ha vinto il premio Kuchen Innovation nello stesso anno della sua uscita, per qualità, funzionalità e design essendo stato definito: "il più potente, resistente, silenzioso e, in definitiva, il migliore robot da cucina della sua categoria". È dotato di moltissimi accessori che gli permettono di tirare la pasta, fare gli spaghetti e i tagliolini, spremere, tritare, affettare, grattugiare, macinare i cereali, aprire i barattoli e... molto altro ancora! Quest'anno è stato introdotto anche l'estrattore!
Sono senza parole... Insomma, cosa aspettate a regalarvelo? Avete solo l'imbarazzo di scegliere il colore!


Davide Mantero

www.fratellibertone.it

2. KitchenAid sostiene la lotta contro il tumore al seno

Dal 2003 KitchenAid sostiene la lotta contro il tumore al seno. Ogni cliente può sostenerla a sua volta acquistando la versione "Rosa" del prodotto.

3. Ricetta per la pasta della pizza:

Montate il gancio impastatore (quello ad uncino), versate nella ciotola 850 gr di farina (dose massima per i modelli Artisan e Classic), un cucchiaino di sale, due cucchiai di olio di oliva e 25 gr di cremor tartaro (bitartrato di potassio). Versate 410 ml di acqua e azionate il motore sulla velocità 1, per poi accelerare a 2 ed infine a 3. Lasciate mescolare fino a quando non otterrete una pallina omogenea senza residui nella ciotola. Il movimento planetario garantisce un risultato perfetto in pochi minuti!

Buona cucina a tutti!

P.S. Se siete arrivati a leggere fino a qui… non dimenticate di lasciare una reazione al mio articolo, il vostro giudizio è molto importante!


  • 2
  • 0
  • 2
  • 0
  • 2

  (0)   Commenti


Laureato in Giurisprudenza, ceramista, pittore e scrittore per passione. È un esperto di attrezzature professionali per la cucina.

Vedi tutti gli articoli di Davide Mantero

Blogger Verificato