Islanda in inverno

Islanda in inverno

Partiamo alla scoperta di un'isola magica dove ogni tappa stupisce per la natura potente: laghi, ghiacciai, vulcani, fiordi, geyser, 1000 panorami diversi che vi rimarranno nel cuore.

Islanda  come dice il nome stesso: è una terra di ghiaccio, ma anche una terra selvaggia che si esprime al meglio durante la lunga stagione invernale, quando il calore naturale di quest’isola vulcanica e la corrente del golfo mitigano la temperatura di questa estrema terra del Nord, creando una serie di incredibili contrasti naturali e meteorologici.Natura selvaggia, fenomeni vulcanici ed un popolo forte ed insolitamente estroverso sono solo alcune caratteristiche di quest’isola fantastica. Questo viaggio lo consiglio a chi vuole qualcosa di più della classica destinazione invernale, o per chi ha già visitato l’Islanda d’estate e si è domandato “ma cosa fanno quassù durante l’inverno?”… e, con un pò di fortuna sarà possibile assistete all'incredibile e imprevedibile spettacolodell'Aurora Boreale, che colorerà la lunga notte artica!

Proseguendo verso sud imperdibile anche una visita alla cascata di Seljalandsfoss, luogo da cui hanno origine numerose leggende islandesi, da qui proseguendo ulteriormente attraverso scenari unici, consiglio di spingersi fino al tratto di costa selvaggia del promontorio di Dyrholaey e di Vik. 

Durante il viaggiosono previste alcune soste a carattere naturalistico: l’emozionante scenariodella cascata Skogafoss,Il terzo giorno dedicate invece il vostro tempo alla esplorazione della cascata di Skogafoss e al ghiacciaio Mýrdalsjökull,la cui calotta copre con il suo spessore che arriva fino ai 600m il vulcano Katla, tuttora attivo.Fino alla costruzione del Hringvergur (la strada ad anello che attraversa lo Stato islandese), la popolazione locale temeva di attraversare le pianure nei pressi del vulcano a causa delle improvvise inondazioni dei fiumi determinate dalle eruzioni sub-glaciali che sciolgono i ghiacci sovrastanti e hanno come primo effetto quello di creare, tra il vulcano ed il ghiaccio sovrastante, un lago sub-glaciale, 

La prima giornata consiglio di dedicarla alla scoperta di Reykjavik e da lì proseguire verso il famoso "Golden Circle" che comprende le tre più note attrazioni d'Islanda: l'area geotermale di Geysir e i sentieri che permettono di scoprire l’intera zona con spettacolari sorgenti di acqua calda e depositi minerali dai colori straordinari, Gulfoss (la cascata d'oro che in questo periodo è contornata da incredibili formazioni di ghiaccio e il Thingvellir, l'antico parlamento islandese, situato in un anfiteatro naturale di rilevanza storica e geologica.


  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

  (0)   Commenti