Creta – Nell’Isola di Minosse

Creta – Nell’Isola di Minosse

Le tappe imperdibili del tour

Oggi concludo il nostro breve tour delle Isole Greche azionando “la macchina del tempo” e presentandovi una delle migliori proposte “summer” all’insegna del colore blu, quello del nostro splendido Mar Mediterraneo, culla della nostra civiltà.

Ed eccoci quindi ad intraprendere un fantastico viaggio nel tempo alla scoperta di Creta!
Quest’isola, che si visita comodamente in una decina di giorni, è circondata da miti e leggende (primo fra tutti il misterioso labirinto di Minosse con il suo temibile Minotauro), ma anche da uno splendido mare e spiagge per tutti i gusti.

Per gustare fino in fondo le meraviglie di questa meta vi consiglierei di effettuare prima una piccola parte di vacanza itinerante per poi fermarvi in una località di mare strategica, da impiegare come comoda base di partenza per visitare tutte le bellissime spiagge della costa occidentale.

Tappe imperdibili del tour dovrebbero essere

Heraklion: la capitale dell’Isola di Creta il suo fulcro economico e culturale. Una delle località turistiche più animate e frequentate della Grecia. Obbligatoria per chi fa tappa in questa località è una visita al suo importante Museo Archeologico che conserva la più grande collezione al mondo d’arte minoica.

Da non perdere sono anche le testimonianze del dominio della Serenissima come le mura di fortificazione erette in difesa dai Turchi, il Castello a Mare, un maestoso edificio decorato con il Leone di San Marco l’Arsenale e la Loggia Veneziana (oggi sede del Municipio) sui quali ancora oggi campeggia la bandiera veneziana.

Anche Knossos sede del famosissimo palazzo che ospitava Minosse ed il labirinto del Minotauro, merita una visita per immaginare la sontuosità e vastità di un edificio che nel 2000 a.C. comprendendo oltre 400 stanze collegate da monumentali scalinate.

Il vicino sito archeologico di Festo, sebbene meno famoso di quello di Cnosso, non vi deluderà se siete alla ricerca di un monumenti storici di rilevanza. Non lontano da Festo merita una visita la località di Matala, famosa dagli anni 70 per la presenza di numerosi gruppi hippy che vivevano nelle caverne di tufo che si affacciano sulla piccola baia.

Infine Rethymno: città “caciarona” ed affollata, tipicamente greca ed oggi Patrimonio dell’Umanità conosce il suo massimo splendore durante l’occupazione veneziana quando vengono costruite una fortezza, le mura ed il porto: perdetevi nelle sue pittoresche stradine dove coesistono edifici contemporanei e case tradizionali, moschee sorte su antiche chiese bizantine, loggiati e fontane, o concedetevi una indimenticabile cena romantica nel porto.

Per quanto riguarda le spiagge vi è solo l’imbarazzo si possono visitare le turistiche Agia Marina, Agia Galino o spiagge più “selvagge” tra le quali consiglio senz’altro la Laguna di Balos uno dei luoghi imperdibili di Creta. Sabbia finissima, mare caldo e acqua bassa e cristallina fanno della laguna di Balos una spiaggia tropicale da cartolina. In certi punti l’acqua può arrivare a non superare il livello della caviglia anche per un centinaio di metri di distanza dalla riva! Sicuramente il momento ideale per recarsi aBalos è di prima mattina o nel tardo pomeriggio, in quanto sono gli orari in cui il caldo si fa meno sentire (percorrere il sentiero a piedi sotto il sole di mezzogiorno può causare colpi di caldo o insolazioni) e la spiaggia è meno affollata (il traghetto sbarca a Balos intorno alle 11.30 e torna a Kissamos verso le 18.00).


Falasarna è una lunga spiaggia situata sulla costa occidentale di Creta, poco più a sud rispetto alla penisola di Gramvousa. L’acqua è cristallina e la sua qualità è stata premiata come la seconda più pulita della Grecia! La spiaggia ha punti attrezzati con sdraio e ombrelloni a noleggio, e chioschi dove si organizzano feste ma anche grandi spazi di spiaggia libera: la spiaggia è una delle più note a Creta, ma nonostante ciò non è mai affollata date le sue dimensioni. In alcuni giorni può essere molto ventosa (venti che soffiano per lo più da Ovest).

A detta di molti, la spiaggia più bella di creta, Elafonisi è una laguna paradisiaca: sabbia di colore rosa,acque sono

cristalline e fondali sono bassi rendono possibile raggiungere a piedi l’isola antistante la laguna (a volte è addirittura collegata da una striscia di terra quando c’è la bassa marea). Essa è rimasta a lungo una spiaggia segreta e poco conosciuta fino a che, dieci anni fa circa, non fu scoperta dal turismo di massa. Ora è una spiaggia attrezzata dove si riversano centinaia di turisti ogni giorno: arrivare presto è fondamentale per trovare posto! Da non perdere lo spettacolare tramonto sulla laguna.
Infine consiglio una escursione nella suggestiva isoletta Gramvoussa situata di poco al largo dell’estremità nord occidentale di Creta, raggiungibile comodamente in barca ogni giorno dal porto di Kissamos. Questa piccola isola è caratterizzata da spettacolari litorali sabbiosi, da affascinanti aspetti geologici e da una ricca flora e fauna. Gramvoussa è dominata su di una sommità da un castello costruito dai Veneziani per proteggere Creta dalle occupazioni turche. Le spiagge di Gramvoussa sono di sabbia chiara e bagnate da un mare turchese e cristallino, in cui prospera a basse profondità la posidonia oceanica.

Per chi ama esplorare luoghi insoliti consiglio infine un’ escursione esclusiva nella zona est dell’Isola per esplorare l’ Altopiano di Lassithi, uno dei luoghi più suggestivi dell’isola, a 850 metri sul livello del mare dove si trova quella che secondo la mitologia è la grotta dove nacque Zeus.


  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

  (0)   Commenti