TEATRO A PORTE APERTE... IN TRASFERTA! “APPUNTAMENTO A LONDRA”, A SAVONA.

TEATRO A PORTE APERTE... IN TRASFERTA! “APPUNTAMENTO A LONDRA”, A SAVONA.

Recensione de Appuntamento a Londra

Sabato sera, 20 febbraio 2016, ho avuto il piacere di visitare l’Antico Teatro Sacco di Savona. Splendido!

Uno dei più piccoli teatri a palchi d’Italia, nel cuore del centro storico della città. Cosa ancora più sensibilmente interessante è che questo teatro è al primo piano di Palazzo Sacco... il piacere di entrare e sentirti a casa, in qualche modo.

Nel metterci piede, non guasta quel po’ d’immaginazione per sentirsi portati in un mondo antico... Salita una lunga e ampia rampa di scale, siamo approdati in questa bomboniera dal sapore settecentesco: una totale immersione nell’azzurro delle pareti e la meraviglia degli affreschi sul soffitto. Tutto questo per un’ottantina di posti a sedere. Una vera esclusiva!

Accolti con estrema cortesia, ci accomodiamo, curiosi di farci 
raccontare “APPUNTAMENTO A LONDRA”: spettacolo tratto dal romanzo giallo di Mario Vargas Llosa per la regia di Jean Pierre Lozano; con Carlo Astengo e Paola Miriam Polo.Musica. Sipario.

La scena è allestita con cura: è l’interno di un salotto, un ricco salotto. Divano in pelle bordeaux e poltrona sono al centro della scena. Un uomo, sulla musica, si sistema maniche di camicia e cravatta.

Nel suo fare si percepisce un’inquietudine che vuole celare.

Qualcuno bussa ripetutamente... è chiaro che lui non vuole aprire.

Quando si decide a farlo, entra lei: una donna di classe e algida nel suo genere. Non muove nessun passo che non sia calcolato e misurato. L’affascinante freddezza reciproca dei due, ti rende ospite di quel luogo, quanto lo è lei.

Ora... svelare tutte le sfumature sarebbe pretenzioso e certamente lungo, per una rubrica.

Ho scelto di abbandonarmi a queste nel raccontarvi l’inizio dello spettacolo, perché è il preludio di un costante cambio di ritmo; dato dalle reazioni emotive di Chispas (lui) per la fissa lucidità e freddezza di Raquela (lei).

Una storia, questa, ricca di colpi di scena.

Una storia che “mette a nudo” l’ossessione di uomo e tutte le sue ombre. Senza più nessun filtro, emergono le sue fragilità che, con estrema consapevolezza, lei sa domare e non si stupisce.

Sia nella realtà sia nell’illusione della storia, quel che si vede è un uomo centrato, affermato, per il volere sociale e intimamente distrutto dalle sue nevrosi. Lei è il suo paradosso. Lei è la sua verità? Lei è... Raquela.

Una regia sapiente e sensibile quella del regista parigino Lozano, nell’aver saputo catturare gli equilibri dei personaggi, presentandoli con rigorosa chiarezza. Dai dialoghi ai movimenti perfettamente “disegnati”, tutto lo spettacolo arriva pieno e ricco di elementi tecnico-emotivi che ti tengono inchiodato alla sedia.

Lavoro indiscutibilmente ben fatto da parte degli attori Carlo Astengo e Paola Miriam Polo, nella loro interpretazione delle parti. Sintonia, ascolto e ritmo non sono mancati mai.

Davvero un bel lavoro!

Bello spettacolo e bravi gli attori.

Andate a Savona (che tra l’altro è una bellissima città) e andate all’Antico Teatro Sacco a godervi questo BEL “Appuntamento a Londra”!


  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

  (0)   Commenti


L'arte è meravigliosa forma di comunicazione. Il teatro, la scrittura, i rapporti umani sono la poesia che scelgo per la mia vita

Vedi tutti gli articoli di Amanda Fagiani

Blogger Verificato