LA VITTORIA DI GIOVANNI BRANCATO CON ALASSIO

LA VITTORIA DI GIOVANNI BRANCATO CON ALASSIO

Il contributo di Giovanni Brancato al raggiungimento del traguardo di Alassio: European Town of Sport

Biologo nutrizioista con la passione per il nuoto, è nato a Messina e residente ad Alassio. All'età di 59 anni ha affrontato la prova più dura, più lunga, mai tentata da un essere umano proma d'ora: la traversata a nuoto pinnnata da Ile Porquerolles (Francia) a Stintino (Sardegna. Italia). Nel luglio 2008, un'impresa sportiva eccezionale: la traversata a nuoto tra la Corsica e Alassio (Liguria), per una distanza di circa 85 miglia (154 Km) in quattro giorni. L'evento, riconosciuto da FIAN e FIPSAS ha avuto alta risonanza sui media nazionali ed esteri.

Alassio, sua città d'adozione, lo ha premiato nel 2008 con l'ambito "Alassino d'oro" con la seguente motivazione: "persona in grado di coinvolgere i giovani per educarli verso un'attività sposrtiva e una sana alimentazione. Ha contribuito con la sua attività legata al mare a far conoscere Alassio." Nel luglio 2010, ha battuto il suo stesso record cimentandosi in un'altra impresa sportiva, questa volta a carattere trans-continentale: la traversata a nuoto tra la Tunisia (Biserta) e la Sardegna (Villasimius), nuotando per sette giorni sotto controllo medico-scientifico e percorrendo una distanza di 118 miglia (190 Km), scortato da mezzi nautici militari. Nel luglio 2011 Brancato ha effettuato la traversata a nuoto fra l'isola di Stromboli e l'isola di Lipari, coprendo una distanza di 45 miglia (73 Km) in undici ore e trenta minuti. In quell'occasione è stato studiato e monitorato il comprotamento di un atleta in acqua. Nell'agosto del 2012 ha effettuato il periplo a nuoto delle sette isole Eolie. La distanza percorsa è stata di 78 miglia (125 Km) e il tempo impiegato 29 ore, 34 minuti e 27 secondi. Visti i risultati ampiamente positivi sotto tutti i punti di vista, Brancato ha deciso di affrontare un'altra impresa col proposito di batter il precedente record mondiale Tunisia - sardegna, la treversata Olbia Ostia, effettuata nel 2013, dal 27 di luglio al 4 di agosto, coprendo una distanza di 128 miglia (207 Km). La rotta è famosa per la presenza di cetacei e dallo squalo bianco. Risulta essere alquanto ventosa e caratterizzata da costanti correnti marine. L'atleta durante la traversata è stato supportato dello staff organizzativo, da un team medico scientifico, dai giudici di gara, da un cameramen, da esperti subaquei per l'assistenza in acqua e da un assistente sul gommone di appoggio. Nel 2014 ha sferrato un nuovo record al Guinness dei Primati: la traversata a nuoto pinnato dall'Arcipelago d'Hyeres (Francia) a Stintino (Italia), coprendo una distanza di 140 miglia (250 Km). Nel 2015 ha scritto la sua biografia nel libro "Il mare dentro" in cui svela i segreti per raggiungere buoni risultati sportivi anche in età avanzata. All'età di 61 anni, per dare maggiore vivibilità alle sue imprese, nell'estate del 2016 ha percorso a nuoto il tratto di mare che separa Alassio da Montecarlo.





  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

  (0)   Commenti